Furti in casa in calo: merito di prevenzione e delle porte blindate

Staff I Serrami - 22 Settembre 2019

Un articolo sul Corriere della sera fa un riepilogo dei dati nazionali sui furti nelle abitazioni.

Fortunatamente questi sono in calo: una maggior attenzione negli anni ai temi della sicurezza sta dando i suoi frutti.

Il merito?

Sicuramente un monitoraggio più attento da parte della Polizia di Stato, ma anche e soprattutto della diffusione delle porte blindate.

Questi sono alcuni degli elementi che emergono dall’articolo di DataRoom, il magazine online di Corriere della Sera a cura di Milena Gabanelli.

Nel servizio della Gabanelli e di Domenico Affinito, vengono riportati i dati sul trend dei furti negli ultimi cinque anni: sono in calo costante, dal 2014.

Nel 2017, le famiglie vittima di un furto in appartamento sono state 195 mila 824.

La fonte è il ministero degli Interni: tradotto in percentuali, questo numero indica che lo 0,755 per cento delle famiglie è stato vittima di un furto in casa.

Gabanelli e Affinito citano, tra le loro fonti, anche analisi della Polizia di Stato, sottolineando che dall’osservazione del fenomeno sono scaturite azioni di prevenzione andate a buon fine.

Se capire una malattia è il primo passo per curarla, è interessante scoprire che le regioni più colpite dai furti sono Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Toscana.

Pisa è la città dove si registrano più furti nel 2017: 789 casi.

Tra le grandi città, Milano è più pericolosa di Roma.

La localizzazione geografica incide sulle abitudini dei ladri: da città a città, cambiano orari e giorni della settimana in cui sono più attivi.

A Torino i mesi più a rischio sono marzo, luglio, agosto e dicembre, soprattutto il venerdì e il sabato.

A Milano, i furti si verificano con maggiore frequenza di notte, nel 25,66% e tra le quattro del pomeriggio e le otto di sera, per il 23,63% dei casi.

I mesi con il maggior numero di furti vanno da gennaio a luglio.

Il capoluogo lombardo si segnala anche perché supera di quasi il 30% la media nazionale dei furti.

Come avvengono le intrusioni?

Le tecniche che permettono di far entrare i ladri negli appartamenti sono molteplici.

A Milano, per esempio, nel 7% dei casi, i ladri sono entrati perché i proprietari avevano lasciato la porta aperta.

Nel 20% invece, l’ingresso è avvenuto dalla finestra e nel 67% da uno scasso o una forzatura della serratura.

La presenza della porta blindata, sottolinea Milena Gabanelli, fa la differenza, anche se ci sono alcune tecniche per provare a forzarla.

Secondo Affinito: “i veri professionisti sono i serraturieri moldavi, albanesi e georgiani che riescono a entrare superando quasi qualsiasi serratura senza lasciare traccia”.

Le tipologie di effrazione citate sono la chiave bulgara, per le serrature a doppia mappa e il key bumping per le altre serrature.

Affinito cita anche una “nicchia di ladri italiani specializzati nell’apertura delle serrature elettroniche e nella disattivazione di
allarmi”.

Secondo DataRoom, proprio a Milano, dove il monitoraggio dei furti è in corso dal 2012, i rischi sono stati arginati del 22,55%.

Si sono ridotti i furti anche a Verona e Torino.

Il merito va dato anche al fatto che molti ladri non si muovono singolarmente, ma in squadre.

Quando le forze dell’Ordine catturano una banda, dunque, il livello dei furti scende sensibilmente.

Potrebbe interessarti

crossmenuarrow-down